Incontro condivisione biblica per adulti

Incontro di condivisione biblica per adulti
MERCOLEDI
dalle 20.30 alle 21.30,
Clicca qui per collegarti.

Cantiere catechismo

Contatori visite gratuiti

Carissimi,

vi giunga di vero cuore il mio augurio di una serena Santa Pasqua. Risuoni questo 
augurio portato dal suono delle campane a festa.

Il primo annuncio della Pasqua fu sommesso, incredulo, impaurito ma non timido: la sorpresa della tomba vuota dove era stato sepolto Gesù fece scalpore e impaurì le donne che in cuor loro avevano intuito che qualcosa di nuovo e tremendo era successo. Sono passati 2021 anni ed ancora siamo qui a riorganizzare la nostra vita, le nostre scelte, il nostro tempo intorno all’annuncio pasquale: Cristo è risorto! Alleluia!

Come le comunità antiche possiamo anche noi trovare il coraggio di capire Gesù e noi stessi «partendo dalla fede nella risurrezione, trovarvi il coraggio per leggere le nostre vicende e decidere le nostre scelte» con la stessa fiducia dei primi discepoli.

In epoche dove la forza distruttrice dell’uomo e delle malattie ha sconquassato anche questa nostra città, Francesco Terilli, scultore feltrino (vissuto dal 1584 al 1635) ha realizzato una scultura raffigurante il Risorto.

Entrando oppure uscendo dalla Cattedrale, essa è lì ad indicarci non solo la fede di altre epoche, ma anche per richiamarci alla testimonianza di una vita animata dal sentirci amati da Dio. Con la forza mite ed incoraggiante del saperci risorti con Cristo, possiamo davvero portare un pensiero capace di avviare desiderio di ripartenza, nuova vitalità e facendo tesoro dell’insegnamento di un tempo della nostra vita che sta seminando tristezza e desolazione nei cuori.

Buona Pasqua!


Il vostro Parroco don Angelo
con don Sandro e i Confratelli sacerdoti

 

Messaggio del Vescovo per la Pasqua 2021
Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello

È il tempo in cui attendere con fiducia e speranza che il “prodigioso duello” manifesti la Vita Nell’antica sequenza, che si canta o proclama nella celebrazione della Domenica di Risurrezione, è bene rappresentato quello che stiamo sperimentando. In questi giorni percepiamo un confronto aperto, simile a un conflitto e a una battaglia. La vita nel suo esprimersi rompe un involucro che la inibisce ed essa fa forza dal suo intimo per germogliare. Tutti noi possiamo raccontare del duello, che stiamo attraversando, per vincere le conseguenze di un contagio portatore di malattia e morte e per liberare la vita in salute e aprirla all’atto di condividerla e donarla.
Questo è il tempo in cui attendere con fiducia e speranza che il “prodigioso duello” manifesti la Vita nel suo carattere pasquale: una Vita rigenerata, risorta, aperta a un compimento che trascende il tempo e lo spazio.
Le comunità cristiane nella Pasqua osano annunciare e promettere la Vita in pienezza: «Il Signore della vita era morto, ma ora, vivo, trionfa».
A tutti – donne e uomini di ogni età – giunga l’eco di questo annuncio, che suscita attesa e desiderio di incontro, accende la ricerca di Dio, rompe l’indugio dell’indifferenza, fa confidare nel sogno di una fraternità più concreta, aiuta a ritrovare l’arcobaleno di alleanza con il creato e l’ambiente e apre il cuore a ogni situazione di fragilità e di povertà.

Auguri di buona Pasqua!
+ Renato, vescovo

S. Messa in diretta streaming


Informazioni parrocchiali




Casera Faibon

Rassegna stampa


   

Abbonamento a L'Amico del Popolo

Chi desidera rinnovare o fare un nuovo abbonamento a "L'Amico del Popolo" può rivolgersi anche presso le Canoniche del Duomo e del Sacro Cuore.
www.amicodelpopolo.it