8 maggio: Ascensione dei Signore

perché state a guardare il cielo?

L’Ascensione definisce uno spartiacque tra la presenza fisica, corporea, di Gesù, nel suo ministero terreno, e una nuova forma di presenza, la sua presenza ordinaria di Risorto. In prima battuta, a uno sguardo più superficiale, ciò che si percepisce è l’assenza. Gesù non è più visibile, non può più parlare, operare segni, essere oggetto dei sensi corporei.

Comprendiamo dunque che il primo sentimento dei discepoli, nella fase del distacco e anche oltre, sia fondamentalmente la nostalgia: essi stanno a guardare il cielo, come per allontanare la definitività del distacco e ricevono il rimprovero dei due misteriosi uomini in bianche vesti: “Perché state a guardare il cielo?”.

In effetti il mistero dell’Ascensione non dice solo l’assenza: dice soprattutto una modalità nuova, più ampia, più completa di presenza. Il sangue di Cristo, l’offerta della sua vita, compiuta una sola volta, crea una nuova situazione di comunicazione e di accesso a Dio.

Non abbiamo più bisogno di segni straordinari, perché è straordinario ciò che possiamo vivere nella quotidianità della liturgia e nella quotidianità dell’esistenza: portare in ogni realtà mondana il segno della presenza e della carità operante di Cristo, per mezzo del suo Spirito.

Bollettino parrocchiale


Museo Diocesano

Museo Diocesano

Via Paradiso, 19 - FELTRE (BL)

Aperto il Venerdì, Sabato, Domenica,

dalle ore 9.30 alle 13.00

e dalle ore 14.30 alle 19.00

www.museodiocesanobellunofeltre.it