S. Messa in diretta streaming


Cantiere catechismo

Contatori visite gratuiti

Abbonamento a L'Amico del Popolo

Chi desidera rinnovare o fare un nuovo abbonamento a "L'Amico del Popolo" può rivolgersi anche presso le Canoniche del Duomo e del Sacro Cuore.
www.amicodelpopolo.it

Il messaggio per la festività della Pasqua di don Angelo Balcon, parroco dell'Unità Pastorale cittadina di Feltre (Duomo - Sacro Cuore - Santa Maria degli Angeli).

Carissimi parrocchiani,

siamo giunti ormai nella Settimana Santa. Inutile sottolineare ancora che sarà una settimana del tutto particolare e senza i riti che per decenni della nostra vita hanno accompagnato questa stagione.

Non ci sarà la Processione con gli Ulivi, ma potremo proclamare con la stessa forza di sempre che il Signore giunge a noi per portarci salvezza.

Non vi sarà l’Adorazione eucaristica solenne, ma nelle nostre case terremo in onore il Crocifisso e metteremo in pratica quanto San Paolo ha raccomandato ai cristiani di Filippi: «nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, in terra e sottoterra». Lo possiamo fare, senza paura, insieme ai nostri familiari.

Non vi sarà la lavanda dei piedi nella Messa vespertina di giovedì, né il Venerdì santo vivremo la processione con la Croce per le vie di Feltre.

Questo silenzio sarà occasione di un digiuno spirituale, che del resto già viviamo ogni Sabato santo, per amore e come risposta all’amore di Dio.

L’esperienza di quest’anno ci sia di insegnamento per i prossimi anni: «qualche volta abbiamo bisogno di un a medicina contro la nostra assuefazione e la nostra distrazione; qualche volta abbiamo bisogno della fame - spirituale e corporale - per comprendere di nuovo i doni del Signore... il digiuno corporale e spirituale è un veicolo dell’amore» (J. Ratzinger, Il cammino pasquale, Ancora 1985 - 2006, pg 143).

Vi sarà invece un’occasione unica e veramente irripetibile, anche se dettataci dalle circostanze: l’occasione di una Pasqua vissuta in casa, come il momento vissuto da Gesù con i suoi discepoli la sera della sua ultima cena.

I piccoli, i giovani e gli anziani che condividono i nostri spazi possono così imparare ad incontrare ed ascoltare il Signore nella preghiera e nella testimonianza dei propri cari, riuniti intorno al tavolo di casa.

Vi sarà una Pasqua da vivere in comunione: la preghiera dei cristiani trova forza quando si eleva al cielo insieme a quella dei Pastori. La ricchezza liturgica della Settimana Santa è già un “immenso oceano” a cui attingere per la salvezza che si nutre della Liturgia per arrivare alla comunione con Dio. La comunione tra noi è il bene maggiore a cui aspirare in quanto discepoli di Gesù, il bene da preservare e da coltivare oggi per riprendere la vita pubblica delle comunità in modo ancor più motivato.

Vi sarà una Pasqua da vivere con vicinanza spirituale tra tutti, grazie alla possibilità offertaci dalla tecnologia moderna.

Negli orari della Settimana Santa ho indicato le Celebrazioni facilmente raggiungibili da tutti, in modo di restare in sintonia con coloro che sono stati chiamati per custodire la fede e presiedere la carità nella Chiesa, universale e locale: il Papa e il nostro Vescovo.

Vi sarà una Pasqua in cui chiedere perdono ed invocare misericordia. Per quanto riguarda la Confessione pasquale, si raccomanda di attenersi alla dottrina della Chiesa, quando non è possibile accostare un sacerdote: raccogliersi in preghiera, accostare una pagina del Vangelo con una delle parabole della misericordia, fare il proprio esame di coscienza e l’atto di contrizione, esprimere l’impegno di una vita migliore ed accostarci appena possibile al Sacramento della Confessione.

Aiutiamoci così, con gli strumenti che abbiamo oggi crescere nel vincolo della carità e della fraternità, ma anche nella lode di Dio.

 

«Tu sei santo Signore,

solo Dio che operi cose meravigliose.

Tu sei forte, Tu sei grande,

Tu sei Altissimo,

Tu sei re onnipotente, Tu, padre santo,

Re del cielo e della terra.

Tu sei la nostra carità.

Tu sei tutta la nostra dolcezza.

Tu sei la vita eterna...

... e ti rendiamo grazie, perché,

come tu ci hai creati

per mezzo del tuo Figlio...

ci hai voluto redimere dalla schiavitù.

 

dalle “Lodi al Dio Altissimo”

e dalla “Regole non bollata”

di S. Francesco d’Assisi

 

Con i migliori auguri e un cordialissimo saluto

Il Vostro parroco

Don Angelo

Informazioni parrocchiali




Museo Diocesano

Museo Diocesano
Belluno-Feltre

Via Paradiso, 19 - FELTRE (BL)

Aperto venerdì, Sabato, Domenica

Info e orari sul sito
www.museodiocesanobellunofeltre.it

Rassegna stampa