Rassegna stampa


   

Il Patronato vive!

Per sostenere le attività del Patronato per le famiglie, il dopo-scuola, l'accoglienza dei gruppi e delle associazioni, le attività caritative e di di integrazione, si può dare un contributo sul c/c IT 19 U 02008 61111 000004530634, oppure direttamente al Parroco e/o ai Padri Canossiani - causale "Per le attività del Patronato"

Contatori visite gratuiti

Forania di Feltre - abitanti 2800


via A. Vecellio, 6 - 32032 FELTRE


0439-2312


29 giugno - Santi Pietro e Paolo

Ai piedi del colle delle Capre, in quello spazio che dall’inizio della cristianità ad oggi continua ad essere il luogo privilegiato di preghiera della comunità feltrina, sorge la Cattedrale dedicata a San Pietro Apostolo e al suo discepolo San Prosdocimo. Quest’area, infatti, divenne il baricentro religioso e, fino alla seconda metà del Duecento, anche politico della città, in quanto sede del potere spirituale e temporale del vescovo-conte.

Il corpo della chiesa fu riedificato, in forme semplici e nitide rinascimentali, dopo il 1510 in seguito ai danni inflitti dall’invasione delle truppe imperiali della Lega di Cambrai, trasformando le cappelle laterali crollate o pericolanti in due navate. Gli interventi di ricostruzione e di ampliamento interessarono anche la facciata: fu inserita nella parte centrale una raffinata decorazione a graffito di Lorenzo Luzzo, raffigurante San Prosdocimo in trono tra San Vittore e Santa Corona, purtroppo parzialmente mutilata per la riapertura del rosone nel 1894.

Costeggiando la chiesa si scorge il campanile, eretto nel 1392 e parzialmente rimaneggiato nel 1690. Di particolare effetto è lamonumentale abside goticadi forma poligonale, che dall'interno rivela agli sguardi più attenti una lieve deviazione a sinistra, simbolo del capo reclinato di Cristo sulla croce. Il presbiterio è impreziosito dallacattedra vescovile del vescovo Adalgerio Villalta (cimelio monolitico del XIII secolo), da un monumento funebre di Tullio Lombardo, da unaltare barocco che custodisce una pala settecentesca di Antonio Lazzarini e da un crocifisso intagliato probabilmente da Vittore Scienza e dipinto da Lorenzo Luzzo. Scendendo sotto il presbiterio si apre la cripta (XI sec.), a tre navate, recuperata nei primi decenni del Novecento: è la parte più antica dell'intero complesso e custode gelosa di significative testimonianze delle chiese precedenti.

Aggirata l’abside della Cattedrale, lungo la salita gradinata, appare un edificio semplice ed elegante dal profilo leggiadro dell’ampio portico secentesco cinto da un’agile balaustra: è il Battistero. Originariamente il sacello era dedicato a San Lorenzo, fu poi trasformato in battistero, in seguito probabilmente all’abbandono di quello a pianta circolare che sorgeva davanti alla Cattedrale, e nel Cinquecento fu intitolato alla Beata Vergine del Rosario. Testimone del cambio di destinazione è la monumentale vasca battesimale monolitica del 1399, custodita all’interno, con copertura lignea, dipinta e sovrastata da una sculturina di San Giovanni Battista di Francesco Terilli. Scendendo nel sottopassaggio, che unisce il battistero con l’ex convento di San Pietro, si possono scorgere le tracce più antiche della chiesa e del luogo sul quale sorge: un’abside paleocristiana e i resti di strutture di epoca romana (ipocausti). Frequenti sono stati nel corso dei secoli i rinnovamenti e, in particolare, le inversioni di orientamento dell’edificio: infatti il lato orientale conserva uno squisito portale lapideo quattrocentesco, decorato “a candelabre”, che costituiva l’antico ingresso principale della chiesa.

Opere pregevoli della pittura feltrina del Cinquecento, come la Madonna della Misericordia e il San Giovanni Battista di Pietro de' Marascalchi, e della scultura del Seicento, quali le statue lignee di San Pietro, del Redentore e di San Prosdocimo di Francesco Terilli, decorano gli altari delle navate; armadi lignei, arredi canonicali, ritratti vescovili e fastosi corredi liturgici ornano con gusto le sale della sacrestia. L'organo, posto in opera nel 1767, è del celebre organaro veneto Gaetano Callido.

Sotto il sagrato si sviluppa un'area archeologica che conserva resti monumentali di epoca romana e medievale.

Già cattedrale dell'antica diocesi di Feltre, ha assunto il titolo di concattedrale a seguito della piena unione delle diocesi di Belluno e Feltre disposta dalla Congregazione per i Vescovi il 30 settembre 1986.

(fonte: http://musei.comune.feltre.bl.it)

Bollettino parrocchiale


A.C.R. Azione Cattolica Ragazzi

TUTTI I SABATI
POMERIGGIO

ore 14.30 - 16.30

presso il Patronato
Canossiani
al Sacro Cuore

in via Belluno

 Per informazioni:        

-  Alba 339 159 1654     

-   Maria 338 248 9319

Attività in Patronato

Patronato dei Padri Canossiani

Proposte per ragazzi/e
dai 6 ai 13 anni

  dalle ore 14 alle 17 Per Giocare, fare tante Attività in Amicizia

Il Dopo-scuola CompitInsieme” per bambini e ragazzi dalla 2° 
  elem. alla 3° media - 
dalle ore 14.30 alle 17.00

  Padri Canossiani:     tel. 0439.89749  e-mail: canossifeltre@virgilio.it

 Si inizia lunedì 22 ottobre

LE PROPOSTE PER RAGAZZI/E  6 – 13 anni

 

Museo Diocesano

Museo Diocesano

Via Paradiso, 19 - FELTRE (BL)

Aperto il Venerdì, Sabato, Domenica,

dalle ore 9.30 alle 13.00

e dalle ore 14.30 alle 19.00

www.museodiocesanobellunofeltre.it